Leonardo Sonnoli

Trieste, 1962. Partner dello studio Tassinari/Vetta con sedi a Trieste e Rimini, si occupa di identità visiva per le aziende private e pubbliche per la comunicazione per eventi culturali, libri di progettazione, sistemi di segnalazione e visualizzazione per mostre.
Ha lavorato, tra gli altri, per La Biennale di Venezia, lo Château des Versailles, la François Pinault Foundation, il Mart di Rovereto, lo Studio Giulio Iacchetti, la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Roma, il New York Times, la SNCF (Ferrovie francesi) e Artissima.
Ha insegnato al RISD – Rhode Island School of Design (USA) – e allo Iuav di Venezia; attualmente è docente all’Isia di Urbino e tiene regolarmente workshop e conferenze sulla propria attività in Italia e all’estero.
Nel 2004 Phaidon Press nel suo volume AREA l’ha inserito, unico italiano, nell’elenco dei cento più importanti e innovativi graphic designer del panorama mondiale. Suoi progetti sono conservati in numerose collezioni pubbliche internazionali e ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti, fra cui il Premio Rodchenko 2008, la medaglia d’argento alla Triennale di Toyama (Giappone), il primo premio alla biennale di Hangzhou (Cina), il Merit Award dell’Art Directors Club New York (USA) e, nel 2011, il Premio Compasso d’Oro. Membro, tra i pochissimi italiani, dell’Alliance Graphique Internationale, ne presiede il Gruppo italiano.

Giorgio Caporaso

Nato a Varese, si laurea nel 1996 in Architettura con indirizzo Disegno Industriale e Arredamento al Politecnico di Milano. Nel 1997 apre il proprio studio professionale di architettura e design dedicandosi a progettazione architettonica, product design, furniture, exhibition e interior design. Inizia ad interessarsi ai temi dell’architettura sostenibile con una sensibilità rivolta all’ambiente e alla presenza del verde urbano.
Studia e progetta una linea di prodotti e complementi d’arredo concepiti secondo i criteri del design sostenibile. Il suo percorso estetico si orienta verso la sperimentazione di accoppiamenti inediti di materiali e la ricerca di soluzioni semplici e intercambiabili. Nel 2007 realizza i primi prodotti della sua Ecodesign Collection. Nel 2013 e nel 2014 gli vengono dedicate due mostre personali.
Tra i riconoscimenti, la Selezione d’Onore al XVIII Compasso d’Oro e la Menzione d’Onore alla XVI Biennale BIO16 di Lubiana. Il primo premio al progetto del sistema di arredo MORE al concorso del British European Design Group “Tomorrow’s design Philosophy” ed esposto al “100% Design Futures 2008” di Londra. Nel 2014 e nel 2015 e 2016 i premi al concorso internazionale Adesignaward. I suoi prodotti sono stati esposti in sedi prestigiose quali la Triennale di Milano, la Biennale di Venezia, Museo di Belle Arti di Rio de Janeiro, Londra, Colonia, Mosca, New York e Dubai.

giorgio-caporaso

Carlo Colombo

Nato a Carimate, 1967. Si Laurea presso il Politecnico di Milano nel 1993. Fin da subito disegna per brand importanti del design Made in Italy: Antonio Lupi, Arflex, Artemide, Cappellini, De Padova, Flou, Flexform, iGuzzini, Moroso, Poliform, Poltrona Frau, Teuco, Varenna, Zanotta, solo per citarne alcuni. Oltre al disegno di prodotti di arredo e al design, Colombo si occupa per le aziende di strategia e di marketing, elabora progetti grafici e cura mostre, lavora come consulente e come direttore artistico.
L’attività progettuale, si estende progressivamente anche al settore delle costruzioni, in Italia e all’estero. Nel 2004 vince il titolo di Designer dell’anno; nel 2009 vince un concorso internazionale per la progettazione di due torri polifunzionali ad Abu Dhabi e dal 2011 insegna progettazione presso la De Tao Masters Academy di Beijing, in Cina.
Tra i riconoscimenti, nel 2005, 2008, 2010, 2011 l’Elle Decor International Design Award, nel 2009 il Good Design Award dell’European Centre for Architecture Art Design e The Chicago Athenaeum, nel 2012 e 2014 vince il Red Dot Design Award, l’Interior Innovation Award e l’iF design award con Teuco. Oggi lo studio si occupa di progettazione su grande scala in tutto il mondo, dal design all’interior e all’architettura.

Emilio Leo

Nato nel 1974, laureato in architettura presso l'Università Mediterranea di Reggio Calabria. Chairman e Creative director del Lanificio Leo, la più antica fabbrica tessile attiva in Calabria, si occupa di dinamiche di sviluppo applicate alla tradizione e alla dimensione territoriale della periferia, dinamiche che cercano di coniugare le potenzialità intrinseche dei processi a bassa tecnologia ma con alto potere identitario, con una visione design-oriented. È stato Selezionato da Andrea Branzi nel 2006 per New Italia Design (Triennale, Milano) e nel 2009 ha ricevuto il premio “Toyp Italia Business 2009″ della Junior Chamber International.